Shalom

Dal 1957, i cittadini svizzeri si impegnano per le buone relazioni bilaterali, il dialogo, il rispetto, la comprensione e l'amicizia tra i due paesi attraverso l’Associazione Svizzera-Israele (ASI).

Corina Eichenberger-Walther, Presidentessa centrale, ex Consigliera Nazionale

Impara di più

Utilizzo delle donazioni di "Helft Israel”

Attualmente sono state ricevute 155.000 franchi svizzeri di donazioni sul conto "Help Israel".

Le donazioni a questo conto sono esenti da imposte e possono essere detratte nella dichiarazione dei redditi.

Un primo trasferimento è già stato effettuato verso Israele. Sarà utilizzato per aiutare i bambini traumatizzati che sono stati evacuati dal sud e dal nord del Paese. Una piccola parte del primo trasferimento sarà utilizzata come aiuto diretto alle famiglie svizzere che vivono in Israele e che sono in difficoltà a causa della guerra. 

A questo punto faremo un resoconto delle ulteriori donazioni. Sono previsti aiuti alle famiglie evacuate e alla ricostruzione nel sud di Israele.

È stata inoltre effettuata una donazione all'organizzazione "Fratelli e sorelle in armi". Uno dei loro compiti più importanti è quello di fornire un supporto globale alle famiglie evacuate. famiglie evacuate, indipendentemente dal fatto che si tratti di alloggio, beni di prima necessità, sostegno psicologico, esercizio dei diritti o fornitura di asili e scuole.

L'Associazione Svizzera-Israele (ASI) sulla richiesta del Procuratore capo alla Corte penale internazionale (CPI)

(Zurigo, 22 maggio 2024) Il procuratore capo Karim Asad Ahmad Khan chiede alla Corte penale internazionale di emettere mandati di arresto per i membri del governo israeliano Benjamin Netanyahu e Joaw Galant, nonché per i leader del terrorismo di Hamas Yahya Sinwar, Mohammed Deif e Ismail Haniya. Il ASI rileva che la Corte non ha ancora accolto le mozioni, anche se numerosi media danno l'impressione che ciò sia già avvenuto. È assolutamente imbarazzante che i frequenti titoli dei media diano l'impressione che ci sia solo un'istanza contro il Primo Ministro israeliano. Secondo l’ ASI, i mandati di arresto avrebbero dovuto essere emessi contro i leader del terrorismo subito dopo il massacro di Hamas del 7 ottobre 2023. È inspiegabile che l'incriminazione dei leader di Hamas venga richiesta solo ora, dopo più di 7 mesi. È ancora più incomprensibile che il massacro compiuto dall'organizzazione terroristica Hamas, che vuole distruggere Israele, sia equiparato al legittimo diritto di Israele all'autodifesa e alla lotta contro l'aggressore terrorista. Infine, è inaccettabile che Israele, in quanto Stato costituzionale sovrano e democratico, sia messo sullo stesso piano di un'organizzazione terroristica.

Comunicato stampa dell'Associazione Svizzera-Israele (ASI) sul finanziamento dell'UNRWA da parte della Svizzera

(Zurigo, 1 maggio 2024) La decisione della Commissione degli affari esteri del Consiglio nazionale (CAF) di concedere per il momento all'UNRWA solo una parte del suo precedente sostegno finanziario dimostra che le riserve nei confronti di questa organizzazione dell'ONU non sono state affatto sciolte. La reazione del direttore generale dell'UNRWA Philippe Lazzarini è irragionevole e dimostra che non vuole capire il dito puntato. L’ASI si aspetta che il Consiglio federale decida l'ammontare del pagamento parziale solo quando sarà disponibile il rapporto in sospeso sul coinvolgimento dei dipendenti dell'UNRWA nel massacro di Hamas del 7 ottobre. Allo stesso tempo, l’ASI accoglie con favore la mozione del comitato dell'APK che raccomanda all'Assemblea federale di non convogliare più in futuro l'"aiuto alla Palestina" svizzero attraverso l'UNRWA. L'aiuto umanitario d'emergenza per Gaza già previsto dal Consiglio federale è espressamente sostenuto dal ASI. 

Israel under attack

(14.4.2024) Con il suo attacco diretto a Israele, l'Iran ha dimostrato di essere seriamente intenzionato a distruggere Israele. L’ASI accoglie con favore la chiara posizione assunta da Cassis. Si aspetta che la Svizzera sostenga tutte le misure dirette contro l'Iran nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU di oggi.

Il Consiglio nazionale cancella il contributo all'UNRWA - le osservazioni dell'Associazione Svizzera-Israele

(15.12.2023) "Il Consiglio nazionale vuole cancellare il contributo annuale di 20 milioni di franchi all'UNRWA. Il Consiglio degli Stati ha respinto la cancellazione con un margine molto stretto (23 voti contro 21). Il Parlamento è molto scettico nei confronti dell'UNRWA. L'ASI non ha raccomandazioni da fare all'Assemblea federale. In questo contesto, tuttavia, rileva che negli ultimi anni l'UNRWA si è sistematicamente voltata dall'altra parte quando da Gaza sono stati lanciati ripetutamente razzi contro Israele. L'UNRWA ha permesso ad Hamas a Gaza di prepararsi al massacro del 7 ottobre. Un'infrastruttura bellica è stata costruita sotto i loro occhi. A tutt'oggi non si è sentita una parola da parte dell'UNRWA sul perché abbia tollerato o sostenuto tutto ciò".

Attualità

Attualità su Israele

Consultazione dell'ASI sul divieto di Hamas

Procedura di consultazione "legge federale che vieta Hamas e le organizzazioni associate»

Impara di più
ASI Prese di posizione

Dichiarazione del Assoziazione Svizzera-Israele

Ancora una volta Israele ha fatto in modo che i membri di tutte le religioni potessero osservare le loro festività, i loro riti e le loro preghiere nei loro luoghi sacri. Ancora una volta ci sono state minacce, incitamenti e sanguinosi atti di violenza da parte di gruppi estremisti che vogliono distruggere la pace…

Impara di più